Card. George PellDopo i “rumors” che, in attesa del Motu proprio, si succedevano settimanalmente, si decise se non di ignorare il genere almeno di ridurre  l’attenzione allo stesso; ora, dopo aver pubblicato le voci sulla possibile sorte della Pontificia Commissione Ecclesia Dei, arriva in veste tentatrice la versione on line del settimanale (cattolico) Golias a proporre nuove indiscrezioni; prima di parlarne, però, il consiglio è una visita al sito francese per rendersi conto di quanto il nome, se derivato da “goliarda”, a sua volta riferito a Golia (soprannome di Pietro Abelardo) col significato medievale di “demoniaco”, sia del tutto consono; e se, senza scomodare l’Abelardo e peggio, il significato di “goliarda” è quello moderno, nulla cambia e il nome resta azzeccatissimo: gli attacchi ai documenti del Vaticano I (è pur sempre pre concilio) o al granduca del Lussemburgo che si ostina a non firmare la legge sull’eutanasia, i commenti sui divorziati ordinati o sulle “vescove” anglicane e, soprattutto, i complotti tradizionalisti orditi dal Papa (“La volonté persévérante…du Pape d’imposer à l’Eglise, comme il le peut, sa ligne rétrograde e intransigeante” ) sono purtroppo tanto lontani dalla dottrina quanto sovrapponibili alla parodia più gustosa. Leggi tutto

Annunci