Eccoci all’ undicesima puntata (I cambiamenti successivi al 1570) della Breve storia della Messa Romana di Michael Davies, traduzione dell’estratto operato dalla Latin Mass Society of England and Wales e pubblicata integralmente da Tan Books.
Le puntate precedenti sono state pubblicate l’11 luglio, il 17 luglio, il 25 luglio, il 2 agosto. il 10 agosto, il 10 settembre, il 23 settembre , il 21 ottobre, il 28 ottobre e il 24 novembre. La pubblicazione della dodicesima e ultima puntata è prevista, salvo contrattempi, entro il prossimo 21 dicembre.

 

Dalla riforma di S. Pio V ci sono state revisioni, ma fino ai cambiamenti seguiti al Vaticano II non furono mai significativi. In alcuni casi quelle che oggi sono citate come “riforme” furono principalmente orientate alla restaurazione del Messale nella forma codificata da S. Pio V quando, soprattutto a causa della trascuratezza dei tipografi, cominciarono ad apparire deviazioni. Ciò è vero in particolare per le “riforme” di Clemente VIII, stabilite nell’Istruzione Cum sanctissimum del 7 luglio 1604, e di Urbano VIII nell’Istruzione Si quid est, del 2 settembre 1634. Le “riforme” di questi due Papi sono state citate come un precedente rispetto alla riforma di Paolo VI, ma basta dare una sola occhiata alle Istruzioni di questi Papi per capire quanto il paragone sia immensamente privo di senso. Leggi tutto

Annunci