Gli effetti del Motu proprio, nonostante la chiara opposizione di molti, continuano a farsi sentire: la S. Messa di Celle Ligure di ieri, nonostante i virulenti attacchi di un parroco che, tra l’altro, avrebbe definito il latino “lingua ostrogota” (esempio di pastorale positiva ed accogliente del Concilio Vaticano II al quale si richiamava?) ha visto un centinaio di partecipanti entusiasti che altro non vorrebero se non una celebrazione stabile.

Da registrare anche la celebrazioni di Palata Pepoli (BO) il 24 novembre (di questa, per ora non abbiamo altre notizie) e quella di Verolanuova (BS) il 22 novembre, che ha registrato un successo al di là di ogni aspettativa.

Intanto anche Modena si aggiunge alle località  che possono contare su una celebrazione fissa: ogni primo Venerdì del mese la S. Messa secondo il Rito Romano Tradizionale sarà celebrata presso la Chiesa parrocchiale dello Spirito Santo, in Via F.lli Rosselli, alle 19.

Infine  Domenica 2 dicembre, alle 17, S. Messa “tridentina” a Siena, presso la Chiesa parrocchiale di S. Francesco all’Alberino (Via della Vecchietta, informazioni allo 0577.288061).

Annunci