Chiavari, Fegino, Bonemerse (Cremona) sono, tra le le altre, località dove il Motu proprio “Summorum Pontificum”, pioggia di grazia, non trova rocce impolverate ma terreno fertile: il 7 ottobre la S. Messa secondo la forma straordinaria del Rito Romano è tornata nella Parrocchia di Bonemerse (Cremona), da dove giunge notizia di fedeli costretti a rimanere fuori dalla chiesa per l’afflusso eccezionale (ma sempre più ordinario per il rito straordinario); nella chiesa parrocchiale di S. Ambrogio di Fegino (Genova), dove dopo alcune celebrazioni sporadiche sembra sempre più probabile una risposta positiva e stabile alla richiesta di numerosi fedeli, è stata celebrata la prima S. Messa domenicale; infine, anche a Chiavari, dopo 42 anni, il Salmo 42 (scherzo della storia?) ha segnato di nuovo l’inizio della S. Messa celebrata dall’ottimo Padre Corti nella chiesa degli Scolopi, seguita e fruttuosamente partecipata, grazie all’impegno degli amici chiavaresi ed anche alla collaborazione della sezione genovese di Una Voce, da un centinaio di fedeli di tutte le età. Di questa S. Messa, davvero sorprendente, segue un breve resoconto.

Vedi il resoconto

Annunci