(Il Proprio è disponibile dal collegamento al termine dell’introduzione)

I miracoli del Salvatore oltre ad essere un segno della sua potenza e della sua bontà, sono il simbolo di ciò che si opera, per virtù della grazia, nell’intimo delle anime. L’ “Effeta”, che ha guarito il sordomuto, è ripetuto dalla Chiesa su ciascuno di noi nel battesimo: “Apriti”. E’ compito della Chiesa, come pure di Cristo, di aprirci alle cose di Dio.

La catechesi cristiana, fedelmente tramandata dagli apostoli fino a noi, ci insegna ciò che dobbiamo credere; in primo luogo la morte redentrice di Gesù e la sua resurrezione, fondamento della nostra fede. La Chiesa predica senza sosta a tutti i popoli la buona della salvezza; la riacquistata possibilità da parte dell’uomo di entrare in Paradiso, in seguito alla cacciata di Satana e per merito della vittoria di Cristo sul peccato e sulla morte.

La Messa odierna ci fa cantare l’onnipotenza e l’infinita bontà di Dio, che dopo aver salvato il suo popolo lo raccoglie nella sua Chiesa e lo conforta con la sua protezione.

L’odierna liturgia e la Bibbia.

Sulla guarigione del sordo-balbuziente: Is. 35 soprattutto 4-6; 29, 18; 32, 4. Gesù stesso s’è presentato come colui che realizza queste profezie messianiche (Mt. 11, 2-5). Vedere anche Mt. 15, 29-31. Ci si riferirà soprattutto a Is. 6 in cui si dice che le labbra del profeta sono purificate da un serafino prima di ricevere l’incarico di rendere il popolo cieco e sordo proponendogli un insegnamento che non sarà accolto (vedere Mt. 13, 10-15 — Gv. 12, 37-41 — Atti 28, 25-28). Nello stesso spirito Rom. 11, 7-8 che cita Deut. 29, 3 e Is. 29, q-io — Ef. 4, 17-19.

In senso contrario vedere Atti 16, 14-15 in cui il Signore apre il cuore di una ascoltatrice di S. Paolo, e Le. 24, 25-27. 45 in cui Gesù, dopo la sua resurrezione, apre l’intelligenza ai suoi discepoli. È anche la domanda di 2 Mac. 1, 4 e del Sal. 118, 18. 13 1. Vedere ancora – Re 6, 8-23 — Is. 50, 5.

Lettura della Bibbia : Proverbi 1, 1-7; da 1, 20 a 3, 26; 4; 8; 9; 15; 16; 23, 19-35; 24, 23-34; 26, 13-26; 31; Ecclesiaste 1, 1-11; 12.

Vai al proprio della S. Messa di Domenica 12 agosto (Dominica XI Post Pentecosten)

Annunci