Di seguito riporto uno stralcio della notizia apparsa su Petrus , quotidiano on line sul pontificato di Benedetto XVI:

 Esclusivo: firmato dal Papa il “Motu Proprio”, imminente la liberalizzazione della Messa in latino

 

Il Motu Proprio” papale per la liberalizzazione della Messa in latino secondo il rito tridentino di San Pio V è pronto, sta per essere tradotto in diverse lingue e sarà pubbblicato poco prima della partenza di Benedetto XVI per le vacanze estive. Il testo è stato già firmato dal Pontefice, che ha anche redatto una lunga carta esplicativa, di carattere teologico, “indirizzata a tutti i vescovi del mondo”, così come si può leggere nell’introduzione, “perché possano accogliere con serenità e pazienza questo documento”. Il Papa chiede quindi ai vescovi, al clero e ai fedeli un clima sereno nell’accettare il “Motu Proprio”, che sarà presentato con una conferenza stampa dai Cardinali Francis Arinze, Dario Castrillon Hoyos e Julian Herranz. Il ritardo nella pubblicazione del documento pare si debba a forti resistenze in alcuni settori del clero (specialmente da parte della Conferenza episcopale francese). Il teologo e collaboratore della Congregazione per la Dottrina della fede, Monsignor Nicola Bux (amico personale del Santo Padre), afferma: “Potete scriverlo tranquillamente, il Papa Benedetto XVI ama la concertazione e la collaborazione e non vuol decidere tutto da solo, per questo ha ascoltato vari e ripetuti pareri, ma il Motu Proprio per la liberalizzazione della Messa in latino è stato firmato ed è imminente la sua pubblicazione, direi che è questione di giorni”. 

Annunci